Disturbo da Accumulo

Disturbo da Accumulo

disturbo da accumoloIn chi soffre di Disturbo da Accumulo si osserva una grande difficoltà a separarsi dagli oggetti personali che si traduce in un accumulo, spesso molto problematico, di oggetti anche completamente senza valore o pericolosi per la salute.

In alcune persone l’accumulo è il risultato della difficoltà a buttare, in altre è anche l’esito di un eccesso di acquisti (magari solo di specifici oggetti).

Il DA, o disposofobia, è un disturbo poco studiato e con tanti aspetti ancora da definire. In passato è stato considerato come un sintomo facente parte di un quadro più ampio di disturbo ossessivo compulsivo.
Con la pubblicazione del manuale diagnostico DSM-5 è stato riconosciuto come disturbo a sé stante ed è stato inserito tra i disturbi “correlati” al DOC.
Nel DSM-5 viene definito come disturbo caratterizzato dalla difficoltà a buttare determinate cose, indipendentemente dal loro valore, espressione di un intenso bisogno di salvarle e di un forte disagio all’idea di separarsene. Il materiale o gli oggetti che le persone conservano, possono essere di qualsiasi tipo: si va dalla collezione di oggetti di valore, all’accumulo di spazzatura, fino all’accumulo di animali.
Molto frequente è l’accumulo di libri e giornali o, comunque, di materiali che contengono informazioni e possono aumentare le conoscenze. Anche la severità può naturalmente variare molto: si va da persone che hanno la casa completamente invasa dagli oggetti a situazioni più sotto controllo (magari grazie a risorse economiche che consentono l’affitto di magazzini per l’accumulo) o semplicemente di minore gravità (per esempio l’accumulo riguarda selettivamente solo alcuni oggetti).

Per maggiori informazioni o per richiedere un appuntamento, visita la nostra pagina dei contatti