Psicofarmacologia

La psicofarmacologia e gli psicofarmaci

terapia psicofarmacologica

Esistono numerosi pregiudizi che riguardano i disturbi mentali e la psicofarmacologia (l’assunzione degli psicofarmaci); i più diffusi sono i seguenti:

  • il considerare i disturbi mentali come momenti transitori di sofferenza che vanno affrontati utilizzando volontà e “forza d’animo”;
  • la convinzione che gli psicofarmaci modifichino, artificialmente e per sempre, comportamenti, pensieri ed emozioni;
  • il timore che l’assunzione conduca inevitabilmente alla dipendenza, ovvero il non poterne fare più a meno;
  • la paura che gli psicofarmaci possano causare gravi e pericolosi effetti collaterali.

Le evidenze cliniche dimostrano come sia fondamentale ed efficace integrare l’uso di psicofarmaci con la psicoterapia o con i trattamenti socio-riabilitativi.
I disturbi mentali sono prima di tutto delle patologie con sintomatologia, decorso e prognosi causati da uno squilibrio nei sistemi di neurotrasmissione presenti a livello del Sistema Nervoso Centrale.

Gli psicofarmaci non sono in grado di modificare sensibilmente comportamenti, pensieri ed emozioni in soggetti sani; la loro azione si esplica infatti nel ristabilire un equilibrio laddove un processo patologico ha prodotto delle alterazioni e nel ripristinare le condizioni preesistenti alla malattia. Questo è anche il motivo per cui, qualora la terapia venga assunta nei tempi e nei modi corretti, i sintomi non ricompaiono alla sospensione della terapia farmacologica ma la persona continua a stare bene come prima di ammalarsi.

La dipendenza da psicofarmaci ovvero la comparsa di sintomi astinenziali alla sospensione può verificarsi soltanto per alcune specifiche categorie di farmaci ( Benzodiazepine) ma solo ed esclusivamente in seguito ad un loro utilizzo non corretto (ad esempio nei dosaggi oppure nei tempi di assunzione o di interruzione). Quando la prescrizione e l’assunzione di tali farmaci avviene sotto controllo medico non si verifica alcun problema.
Per quel che riguarda le altre classi di psicofarmaci è sufficiente una sospensione graduale e programmata per non avere disturbi di alcun tipo.
Gli effetti collaterali infine sono molto diversi da farmaco a farmaco, in generale quelli di maggior utilizzo sono molto ben tollerati. Il medico psichiatra valuterà caso per caso, discutendone con il paziente, i rischi ed i benefici connessi alla terapia.

Per maggiori informazioni o per richiedere un appuntamento, visita la nostra pagina dei contatti